La storia

Articolo28

nasce dall’idea, dalla costanza e dall’impegno dei suoi fondatori a Milano nel 1999.
Si voleva creare un gruppo di uomini interessati all’aspetto military, al gioco di ruolo e anche all’aspetto fetish che ciò comporta nell’ambito di quella che doveva essere, e ancora oggi continua ad essere, un’alternativa ai circuiti gay più comuni legati alla produzione di eventi sociali (saune, discoteche, serate, località marittime, ecc.).
Articolo28 voleva essere un gruppo di uomini che si vedeva per condividere qualche giorno insieme all’aperto nella natura, facendo sport … e, diciamoci la verità, mettendo in pratica un gioco di ruolo military-festish con una gerarchia militare interna al gruppo (ovviamente nel massimo rispetto reciproco).
Il tempo ha chiarito che Articolo28 stava diventando una realtà, si susseguiva l’organizzazione dei campi e le persone partecipavano con costanza.
Nel 2002 Articolo28 apre un proprio sito web ospitato su un server russo e l’anno dopo (2003) diventa un’associazione sportiva senza fini di lucro, deposita ufficialmente un proprio Statuto Associativo, stila un Regolamento Interno e un Regolamento Formale.
magazineA28

I soci fondatori era in totale sette provenienti da Lombardia, Veneto e Svizzera. Da questo momento l’associazione comincia ad essere nota nei circuiti gay, inizia ad apparire tra i social network che esistevano nei primi anni del 2000 e ad essere recensita sulla stampa specializzata gay con diversi articoli fino a guadagnarsi la copertina di un Guide Magazine del marzo 2004.
L’anno successivo alla fondazione (2004) Articolo28 acquista un proprio dominio in Italia, ovvero www.articolo28.it.
In seguito al deposito dello statuto Articolo28 diviene un’associazione governata democraticamente da un’Assemblea di Soci che elegge un Consiglio Direttivo (CD) che rimane in carica per un triennio.
Dopo alcuni anni di densa partecipazione ai campi (anche 50-55 persone) tra il 2005 e il 2006 Articolo28 subisce un periodo di crisi direzionale. Nei primi mesi del 2006 il Generale, ideatore del gruppo e socio fondatore dell’associazione, decide di uscire dal Consiglio Direttivo indicando all’Assemblea dei Soci due possibilità a procedere: o lo scioglimento dell’associazione o la nomina di nuovo CD.
Nel marzo del 2006 un nuovo CD, composto da persone che avevano partecipato a diversi campi in precedenza, ma che, in realtà, avevano un’esperienza organizzativa relativamente ridotta, decise di accettare la sfida di traghettare Articolo28 verso ciò che oggi è l’associazione.
Il lavoro comune, l’entusiasmo, la solidarietà e l’amicizia tra queste persone hanno contribuito al fatto che il primo campo, totalmente ideato e organizzato dal nuovo CD nel settembre 2006 in Toscana, sia stato un vero successo, in termini di partecipanti e di divertimento.
Il CD in carica rimase talmente soddisfatto dalla risposta positiva dei partecipanti da rimettersi al lavoro con rinnovato entusiasmo incrementando, tra le altre cose, i momenti di incontro informale tra un campo e l’altro per mantenere un contatto continuo con i soci, i simpatizzanti e le aspiranti reclute.
Dal 2009 l’Assemblea dei Soci, terminato il mandato del CD nominato nel 2006, ha eletto altri tre diversi CD per altrettanti trienni, ovvero 2009-2011, 2011-2014 e, recentissimamente, 2014-2017.
La nomina dell’ultimo CD ha rivestito carattere di particolare importanza poiché composto, oltre che alcuni storici soci (tra cui uno dei fondatori), anche da nuove persone che avranno la responsabilità di apportare nuova energia all’organizzazione dei campi.
Quest’anno (2014), dopo la prima impostazione grafica e formale del 2002, il sito internet dell’associazione è stato completamente ridisegnato secondo tecnologie più aggiornate. I testi sono stati completamente rivisti e il sito si è arricchito di nuovi contenuti con un interfaccia molto più diretto ed agevole.

Ora qualche numero su Articolo28.
Dal suo inizio l’associazione ha organizzato 32 campi tra Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Toscana e Veneto. Ai campi hanno partecipato circa 800 persone e, dal 2006, da quando si è iniziato ad assegnare un numero di matricola a tutti, le reclute sono state 120. Il numero di partecipanti ad ogni campo oscilla tra le 18 e le 30 persone. L’incidenza delle reclute è mediamente pari ad un terzo dei partecipanti.

Per concludere è importante rimarcare due questioni.
La prima è che Articolo28 non è il CD, inteso come persone che organizzano i campi, ma tutti coloro che vi partecipano indipendentemente dal ruolo e, solo lavorando tutti assieme, sarà possibile mantenere l’associazione in buona salute poiché senza truppa il CD sarebbe nulla.
La seconda che Articolo28 è un’associazione no-profit che ha sempre autofinanziato le proprie attività attraverso la partecipazione dei soci ai campi. La quota di adesione ai campi, che sono e restano l’evento principale che viene organizzato (solitamente due o tre l’anno), è calcolata in funzione del numero di partecipanti visti il costo di affitto della struttura che ci ospita (case per comunità), del vitto, dell’assicurazione e delle attrezzature che periodicamente si comprano.

Articolo28 basa la propria attività sulla grande generosità di tempo libero personale, mezzi, dispendio di energia e impegno dei membri del CD che si occupano di immaginare, organizzare e pianificare in ogni minimo dettaglio i campi. Ovviamente non da meno è l’impegno di chi vi partecipa!

Nei suoi 15 anni di attività, svolta con statuto o senza, Articolo28 è cambiata molto come associazione, le persone che l’hanno diretta in parte sono cambiate, ma lo spirito con cui è nata è rimasto invariato. Articolo28 resta tutt’oggi una diversa alternativa ai circuiti della vita gay più appariscente fatta di serate in locali, feste itineranti, saune, ecc. basati su principi di produzione economica.
Articolo28 rappresenta una risposta per coloro che oltre il contatto effimero di un momento o di una serata in discoteca, ad una festa, seppur contatti importanti, in un contesto orientato al military-festish cercano un maggior contatto umano.

Articolo 28
luglio 2014

I commenti sono chiusi